Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Altri

NPB Playoff: 2-1 incontro e serie, Hawks e Tigers accedono al Final Stage

Due a uno. Non solo i risultati delle due serie di First Stage in Nippon Professional Baseball, ma anche i punteggi con cui Fukuoka SoftBank Hawks e Hanshin Tigers hanno vinto i loro elimination game e hanno conquistato il pass per il Final Stage. Termina dunque qui la stagione di Tohoku Rakuten Golden Eagles e Yokohama DeNa Baystars, usciti sconfitti tra gli applausi dei loro sostenitori opo due serie al cardiopalma e con questi ultimi che salutano la stella Tsutsugoh, destinato ad andare in MLB quest'inverno. Prima delle partite c'è stato il ricordo per Masaichi Kaneda, leader all-time di vittorie in Giappone (400) scomparso nella giornata di ieri all'età di 86 anni.

In Pacific League, dopo aver perso gara 1, gli Hawks sono stati in grado di far valere la loro maggior esperienza ed il fattore campo ribaltando la situazione sia nella serie sia nella stessa gara 3. Infatti l'equilibrio nell'eccezionale matchup tra Takayuki Kishi e Rei Takahashi, assolutamente intoccabili nel proprio giro di lineup, viene rotto nella quarta ripresa con il fuoricampo del solito Asamura – primo giocatore nella storia a battere un fuoricampo in tutte le partite del First Stage – che colpisce Takahashi e porta in vantaggio i Golden Eagles. L'home run ha però l'effetto di dare la sveglia agli Hawks, che nella parte bassa dello stesso inning batte, con due out, tre valide consecutive, tra cui quella decisiva di Uchikawa che spinge a casa Despaigne. Sul nuovo pareggio la partita torna in mano ai due monti di lancio, tanto che da lì in poi gli attacchi batteranno solo quattro valide (3-1 in favore degli Hawks) senza trovare alcun mezzo per scardinare i lanciatori avversari. Per sbloccare una sfida simile serve il colpo di un campione, ed è quello che trova Uchikawa nel settimo inning, che accoglie il rilievo Chia-Ho Sung con un long shot a sinistra. È il colpo che chiude la partita, dato che Tohoku salirà in base solamente un'altra volta, con una base su ball concessa dal closer Mori a Blash, senza segnare punti. Per il sesto anno consecutivo gli Hawks raggiungono il Final Stage della Climax Series, dove troveranno i Saitama Seibu Lions nel rematch della passata stagione, quando Fukuoka si impose 4-2.

Dopo la rimonta più sorprendente della storia della postseason in gara 1 e la sayōnara hit di Otosaka in gara 2, non manca d'emozione nemmeno il terzo e decisivo scontro tra Tigers e Baystars, con un clima ancora più da epica dovuto alla pioggia scesa su Yokohama. Anche in questo caso l'avvio sorride ai lanciatori, con Hanshin che prova la staffetta Takahashi (3 inning) – Shimamoto (2 inning) mentre i Baystars si affida a Taira e Kuniyoshi, con Ishida chiamato in causa per un out nel momento di maggior difficoltà dei padroni di casa, bravo nell'eliminare il leadoff Chikamoto con le basi cariche e due out nel corso della quarta frazione di gioco. Nel sesto inning sono i Tigers a sbloccare il punteggio con Takayama – precedentemente autore di un doppio – che segna su wild pitch di Kuniyoshi, ma l'illusione non dura a lungo perché poco più tardi un errore di Hojo è fatale ai suoi e consente a Soto di marcare l'1-1. L'assoluta parità viene meno grazie ad un eccellente baserunning di Ueda, che nell'ottavo inning ruba la seconda base, avanza in terza su wild pitch (imprecisioni fatali ai Baystars, viziate dalla pioggia) e segna poi comodamente sulla volata di sacrificio di Umeno. In vantaggio di un punto e contro la parte alta del lineup di Yokohama chiamata alla rimonta, Yano manda in campo per due riprese il closer 39enne Kyuji Fujikawa (passato anche per la Major League) che sotto il diluvio è impeccabile e per l'ultimo out chiude la porta a Otosaka, l'eroe della sera precedente.
Per i Tigers è il primo successo nei playoff dal 2014 – anno dell'ultimo Final Stage tra loro e gli acerrimi rivali degli Yomiuri Giants (ripetuta anche nel First Stage 2015), duello che ora si riproporrà. Mōko vs Kyojin (“Tigri feroci” vs “Giganti”) mette due fronte le due anime secolari del Giappone, quella classica del Kansai (Tigers) contro quella proto-moderna centrata a Tokyo (Giants); una serie assolutamente da non perdere.

Il Final Stage, al meglio delle cinque partite per decidere chi parteciperà alla Japan Series, avrà luogo al MetLife Dome di Tokorozawa (Pacific League) ed al Tokyo Dome (Central League) dal 9 al 13 ottobre, con un'eventuale gara 6 in caso di pareggio in una delle sfide precedenti fissata per lunedì 14 ottobre.