Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Campionati baseball

Il San Marino raddoppia e vola ad una vittoria dalla finale scudetto

Un San Marino travolgente nel primo terzo di gara espugna lo "Steno Borghese" con il risultato di 8-5, bissa il successo di gara uno e comincia adesso a vedere la qualificazione alla Italian Baseball Series 2019. Non c'è quasi stata partita in riva al Tirreno, con il Sipro Nettuno City che, ancora una volta, paga a caro prezzo i problemi di un monte di lancio in emergenza messo in difficoltà sin da subito. Risulta vano il tentativo di rimonta nel finale. Adesso la serie si sposta ai piedi del Monte Titano, dove martedì 6 agosto si svolgerà gara 3.

L'incontro è iniziato sulla falsariga di gara uno, dove i titani sono stati capaci di segnare quattro punti su tre valide. Questa volta invece San Marino si fa incantare da Milvio Andreozzi, perfetto nel primo inning, trovando invece la quadra nel secondo attacco, dove José Flores colpisce un singolo prima di venire sacrificato in seconda da una battuta interna di Federico Celli. In battuta sale Mattia Reginato (3-5, 2 RBI) ed il risultato è spiacevole per gli appassionati del Sipro, perché il veterano del San Marino tocca duramente il quinto lancio di Andreozzi depositandolo oltre le recinzioni dell'esterno sinistro per un fuoricampo da due punti. La squadra di casa sbanda ed il San Marino ne approfitta: Epifano (2-5) batte un singolo e ruba velocemente la seconda, poi Mario Trinci, nettunese, arriva in prima su una palla persa dal terza base Leomart Rodriguez. Il City paga l'accaduto a caro prezzo perché Pulzetti arriva in base su quattro ball consecutivi mentre l'altro enfant du pays, Federico Giordani (2-4, 3 RBI), spinge a casa il 3-0 con una volata di sacrificio per il secondo out dell'inning. La situazione sembra finalmente volgere a favore della squadra di casa con Andreozzi che si porta avanti 0-2 su Rondon (3-5, 2 RBI) il quale, però, riesce a battere un singolo nell'esterno centro per il 4-0 che segna l'uscita di scena del partente laziale dopo appena 5 eliminazioni. Al suo posto il lanciatore d'emergenza Nicola Garbella, che, entrato direttamente dall'esterno sinistro, paga l'ingresso a freddo chiudendo l'inning soltanto dopo un colpito (Romero) ed una base ball (Flores) per il 5-0.

Forte di un vantaggio del genere, Alessandro Maestri deve soltanto gestire e lo fa alla grande, chiudendo un veloce secondo inning con due strikeout e soltanto una valida (doppio) battuta da Vasquez. Nel frattempo, Villalobos modifica la difesa per tenere Nicola Garbella (2-4) sia sul monte che in battuta decidendo così di fare a meno del DH con Beppe Mazzanti (1-4) spostato in terza mentre Leomart Rodriguez va nell'esterno sinistro e Sparagna dietro al piatto al posto del rientrante Luis Alvarez, sistemato in prima. Garbella sembra cominciare bene, ma dopo due basi ball consecutive concesse a Trinci e Pulzetti incassa un doppio da due punti da Giordani ed il singolo del 8-0 da Edgar Rondon. Il nativo di La Jolla (California, USA) riesce finalmente a prendere le misure all'attacco schierato da Chiarini mentre i padroni di casa, nella parte bassa del quarto inning, costringono Alessandro Maestri (5IP, ER, 2BB, 8K) con le spalle al muro per la prima volta, piazzando almeno due corridori in base senza però andare oltre un doppio da un punto di Giovanni Garbella (2-4, 2 RBI) su 31 lanci effettuati dal lanciatore romagnolo. La parte centrale prosegue con le due squadre che sprecano un paio di occasioni nel quinto inning. Il sesto invece vede la staffetta sul monte tra Nicola (3.1IP, 3ER, 3BB, 3K) e Giovanni Garbella, con quest'ultimo protagonista anche di un solo homer (il secondo fuoricampo dopo quello trovato in gara uno) contro il nuovo entrato Tommaso Cherubini, bravo tuttavia ad evitare guai maggiori.

Il San Marino non ha la stessa fortuna nell'inning seguente quando, contro il nuovo entrato Ludovico Coveri, la squadra di casa mette in difficoltà i rivali con un singolo a basi piene di Andy Vasquez (2-4, 2 RBI) che vale due punti ma trova al contempo l'out a casa di un ambizioso Nicola Garbella. Sul parziale di 8-4 è questa volta il San Marino a pagare lo scotto della pressione e, con due out, Vasquez crea disagi alla difesa ospite prima rubando la terza, poi andando a punto su lancio pazzo dello stesso Coveri, sostituito da Mazzocchi dopo una base ball a Giovanni Garbella ed un singolo di Sparagna (1-3) che non crea conseguenze pesanti per i titani. I laziali, sostenuti da un miracoloso Giovanni Garbella sul monte di lancio (3IP, 4K), ci provano anche nell'ottavo, ma le linee di Mazzanti e Nicola Garbella non sono fortunate ed incontrano i guantoni di Mazzocchi e di Mattia Reginato, portando così il San Marino a giusto tre out dal secondo successo nella serie, che arriva con un nono inning perfetto da parte di René Mazzocchi (2.1IP, 3K).

Adesso la serie si sposta a Serravalle di San Marino dove martedì 6 agosto alle ore 20.30 si giocherà gara 3, che andrà in diretta su FIBSChannel, il canale YouTube della Federazione Italiana Baseball Softball. Per riportare la serie a Nettuno il Sipro sarà costretto a vincere entrambe le partite. Altrimenti sarà finale per i ragazzi di Mario Chiarini.

IL TABELLINO

CALENDARIO SEMIFINALE 2

LA PHOTOGALLERY DELLE SEMIFINALI

Con una partenza sprint il Parma Clima piega nuovamente l'UnipolSai Bologna

San Marino parte forte e si aggiudica gara1 in casa del Sipro

Il Parma Clima sorprende l'UnipolSai Bologna e conquista la prima sfida della serie

Comincia la fase calda della stagione di A1 Baseball: al via le semifinali playoff