Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
Campionati baseball

Tre manifeste nel sabato sera di A1 Baseball

Doveva essere una giornata fondamentale in chiave classifica per Parmaclima e Rangers Redipuglia, entrambe a caccia della zona playoff. Invece le due compagini hanno rimandato il discorso alle prossime settimane, pareggiando la serie con un 7-8 in favore dei giuliani nella gara pomeridiana del "Nino Cavalli", e con un inappellabile 11-0 al settimo inning per i ducali nella partita serale. Vincono per manifesta superiorità dopo sette riprese anche il Godo Baseball, per 11-1, contro l'Autovia Castenaso, e l'UnipolSai Bologna, che sconfigge per 14-2 il Sipro Nettuno Baseball City che presenta un Giuseppe Mazzanti in più ma che resta ancora ridotto ai minimi termini.

Partita non adatta ai puristi, almeno all'inizio. I Rangers Redipuglia cominciano bene la giornata vincendo gara uno per 8-7 dopo un secondo inning che, tra la squadra di Frank Pantoja e quella di Gianguido Poma, ha visto segnare la bellezza di 13 punti. Cominciano i giuliani approfittando di un errore in difesa di Mattia Mercuri che svela una crepa nel castello di Mattia Aldegheri, già assediato nel primo inning. Il lanciatore veronese colpisce Cespedes, riempie le basi incassando un singolo da Boscarol e poi capitola sotto i colpi di Maccagnan (doppio da due punti), Iellini (singolo che procura due punti con errore difensivo di capitan Zileri) e Martini, che svuota le basi con il suo sesto homer stagionale per forzare Gianguido Poma a chiedere l’ingresso di Oberto, il quale chiude la ripresa non senza problemi. I padroni di casa non si fanno pregare, e a loro volta puniscono Escalona con due basi su ball e sei valide che procurano sette punti spinti a casa dal redento Mercuri e da Lorenzo Gradali (doppi consecutivi), da una volata di sacrificio di Ricardo Paolini, e dai colpi di Zileri (singolo) e Sebastiano Poma (doppio). Il vantaggio dei ducali dura però soltanto fino al quarto inning ed a rovinare l'entusiasmo dei tifosi di casa ci pensa proprio l'ex stellato Alessandro Deotto, con un fuoricampo da due punti contro Oberto. La partita si stabilizza ed arriva fino alla conclusione grazie agli ottimi rilievi di Mauro Schiavoni (4IP, 2H, 3BB, 2K) per il Parmaclima, e di Matthias Zotti (3IP, 2H, 2BB, 6K) per i Rangers Redipuglia.

IL TABELLINO

Il Parmaclima si riscatta in gara due e torna a puntellare la posizione playoff (quarti in classifica con due lunghezze di vantaggio su Redipuglia) grazie ad un sonoro 11-0 al settimo inning contro la truppa di Pantoja, piegata da un fenomenale Erly Casanova, capace di concedere una sola valida in 81 lanci con 6 inning lanciati, una base su ball ed otto strikeout messi a segno. Un dominio sostenuto da un attacco che produce undici valide e che ipoteca la gara dopo sole due riprese, dove i ducali mettono a segno quattro punti su errore del lanciatore Omar Polo e su volata di sacrificio di Sambucci nel primo inning, e con fuoricampo di Viñales e un balk del partente giuliano nella seconda ripresa. I parmigiani cavalcano l’onda e nel quarto inning segnano il 5-0 con una valida centrale di Ricardo Paolini, tornato protagonista in un quinto inning da cinque punti con un doppio da tre segnature che anticipa il definitivo 11-0 firmato Flisi nel sesto inning.

IL TABELLINO

Il Nettuno City riabbraccia Beppe Mazzanti, combatte senza mai darsi per vinto nella prima metà ma alla fine è costretto a fare i conti con le proprie forze e ad arrendersi ad una superiore UnipolSai Fortitudo Bologna che gioca la sua partita senza curarsi troppo delle difficoltà degli avversari, colpevoli anche di quattro errori e sconfitti per 14-2 con una manifesta al settimo inning. La squadra di Daniele Frignani mostra il proprio carattere già nella prima ripresa, dove segna sette punti contro un Paolo Taschini tradito soprattutto dai troppi errori della difesa, oltre che dalle cinque valide subite in favore di Leo Ferrini (due), Alessandro Vaglio (1-2, 2 RBI, 2BB), Filippo Agretti (2-5, 3 RBI) e Francesco Fuzzi. Taschini soffre anche nel secondo, dove cede altri due punti su lancio pazzo e singolo di Grimaudo. Al cambio campo il City mette i primi due corridori in seconda e terza, ma riesce a colpire un solido Alex Bassani (5IP, 8H, 2ER, BB, 9K) solamente nel terzo inning, sfruttando un doppio a basi piene di Gabriele Orefice. I laziali ci riprovano nel quinto (dopo aver subito un punto su errore difensivo), riempiendo nuovamente le basi questa volta senza successo, perché Bassani se la cava con l’ottavo ed il nono strikeout della partita. I Felsinei invece picchiano duro e nella parte alta del sesto sfruttano i doppi di Agretti e Nosti per segnare i tre punti che li portano in zona manifesta ancor prima della volata di sacrificio di Alessandro Vaglio nel settimo inning per il definitivo 14-2 bolognese, mantenuto dal perfetto Filippo Crepaldi (2IP, 6K).

IL TABELLINO

Il Godo Baseball riscatta la sconfitta di venerdì sera e torna sopra l’Autovia Castenaso, sconfitta per 11-1 per manifesta superiorità al settimo inning. La squadra di Bortolotti si è affidata ad una bella prestazione di Matteo Galeotti (6IP, 6H, ER, 3BB, 5K), alla solita pazienza dei suoi battitori (13 basi su ball) ed a sei singoli (una sola valida da basi extra) che, assieme ai tre errori difensivi degli emiliani, hanno fatto la differenza. I romagnoli sono partiti subito a razzo con sei punti arrivati su errore difensivo di Julian Dreni, un singolo di Reda (2-3, 4 RBI) e gli RBI di Marco (BB) e Luca Servidei (singolo sul terza base). La squadra di casa ha preferito non fermarsi ed ha siglato un altro punto nell’attacco seguente grazie ad un doppio nell’esterno centro di Giacomo Meriggi. La parte centrale scorre via tranquilla fino alla volata di sacrificio di Ambrosino nella parte alta del quinto, evento che consiglia al Godo di tirare fuori il carattere e di segnare altri tre punti con le battute di Reda (a basi piene) e di Bucchi. Sul 10-1 provvisorio il Godo è ad un passo dalla manifesta, che si concretizza nella parte bassa del settimo con walk-off sac fly di Giacomo Meriggi arrivato a seguito di una base su ball (Reda), del secondo errore difensivo di Dreni e di un lancio pazzo di Maurizio Andretta.

IL TABELLINO

RISULTATI, CLASSIFICA E STATISTICHE

PHOTOGALLERY

L’UnipolSai allunga su di un Sipro Nettuno in emergenza; l’Autovia batte un colpo importante

Weekend intrigante in Serie A1 Baseball