Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo
instagramyoutubecustom1
images2016/editcampania/IMG-20190708-WA0008.jpg

Campionato under 12, Il primo mattone per il futuro

Si è concluso con il concentramento di Rivello il primo campionato giovanile del nuovo percorso della Delegazione Campania e Basilicata. L'ultimo campionato giovanile è stato disputato nel 2012, quest'anno grazie allimpegno profuso dai Kings Rivello, Reggia Caserta e Thunders Salerno si è dato vita ad un campionato under 12, dove, le giovani leve delle due regioni coinvolte, hanno potuto confrontarsi e condividere la loro passione per questo sport. Il Campo ha premiato i ragazzi casertani del Reggia del presidente Rotili e dello staff tecnico composto da Cicia, DAddio, Marco Rotili e Rossetti. Rivello del duo Savino e Ferrari ha dimostrato che, seminando bene, coltivando giorno dopo giorno la passione dei ragazzi, si possono raccogliere grandi risultati. Eccezionale anche il lavoro di Pironti e Guerritore che, nel complesso dellArbostella di Salerno stanno gettando le basi per i Thunders del futuro. Un campionato ben gestito dagli arbitri federali che hanno ben interpretato lo spirito e lintenzione della competizione. Il lavoro della Delegazione non si ferma qui: dopo la pausa estiva, prenderà il via la coppa regionale under 12 che avrà le stesse caratteristiche del campionato appena concluso, intanto si getteranno le basi per ampliare il movimento anche nelle altre provincie regionali. Siamo riusciti a rilanciare il movimento giovanile dichiara soddisfatto Giuseppe Mele il mio primo ringraziamento va ai coach e ai dirigenti che, con pazienza e dedizione, hanno messo su le squadre. Il delegato regionale conclude parlando dellattività con i ragazzi L'attività giovanile è il fondamento su cui si posa tutto il nostro futuro. Abbiamo il compito da educatori di insegnare ai ragazzi i sani principii del nostro sport e, se è possibile, fargli capire e trasmettere loro tutta la nostra passione. Solo in questo modo avremo la possibilità di crescere e di ampliare il movimento.  Un piccolo enorme passo in aventi del nostro movimento che guarda al futuro con ottimismo, un lavoro a 360 gradi che negli ultimi 2 anni ha portato ottimi risultati. La delegazione, tutta, è pronta a fare sempre meglio. 
Antonio Vallefuoco
UFFICIO STAMPA FIBS CAMPANIA E BASILICATA